Loading...
decretosorpresa

Sorpresa: con il decreto dignit� 8mila occupati in meno l’anno fino al 2028

Sorpresa: con il decreto dignit� 8mila occupati in meno l’anno fino al 2028

Doveva rappresentare, nelle dichiarazioni ufficiali del governo, una leva per aumentare, da subito, l’occupazione di qualit e stabile. Invece, nella relazione tecnica che accompagna il decreto, vidimato dal Mef, l’effetto indicato sar l’opposto con una diminuzione, scritta nero su bianco, dell’occupazione di 8mila unit l’anno fino al 2028, vale a dire nei prossimi 10 anni (quest’anno la riduzione stimata in -3.300 rapporti perch siamo gi a met luglio).

GUARDA IL VIDEO: Decreto dignit, il governo ci ripensa: per gli stagionali non serve la causale

Il giro di vite sui contratti a termine forte

Il fatto che il giro di vite, in arrivo, all’improvviso, sui contratti a termine, compresa la somministrazione, molto forte, tornano le causali, dopo i primi 12 mesi di contratto, previsto un aggravio contributivo di 0,5 punti percentuali su ciascun rinnovo, e la durata massima del rapporto scende da 36 a 24 mesi, prorogabili 4 volte e non pi 5.

L’impatto negativo sull’occupazione: 8mila posti persi l’anno

proprio sulla stretta delle durate che si basa la relazione tecnica per stimare l’impatto negativo sull’occupazione. In base ai dati del ministero del Lavoro sono circa 2 milioni i contratti a termine attivati ogni anno. Di questi il 4 per cento supera i 24 mesi, quindi si pone gi in contrasto con le nuove norme, quando entreranno in vigore (il giorno successivo alla pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto). Ebbene, di questi 80mila rapporti oltre i 24 mesi il 10 per cento stima il governo nella relazione tecnica, vale a dire 8mila, andranno persi ogni anno.

Per il governo avrebbe dovuto attivare una corsa alla stabilizzazione

Il dato stride con gli annunci dell’esecutivo che si attende un effetto diverso del decreto, cio una corsa alla stabilizzazione (che potrebbe essere incentivata, come ha lasciato intendere il ministro Luigi Di Maio). Al momento di questo desiderata non c’ traccia nelle stime ufficiali. E conferma le preoccupazioni delle imprese su un provvedimento che, pur partendo da un obiettivo condivisibile, la lotta al precariato, interviene sugli strumenti sbagliati.

© Riproduzione riservata

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *