Loading...
Brexiteuropei

Brexit, May: “Stop ad europei in cerca di lavoro. Avremo il controllo dei confini”

Brexit, May: “Stop ad europei in cerca di lavoro. Avremo il controllo dei confini”

LONDRA – Theresa May si è liberata dei ministri più brexitiani del suo governo, ma continua a condurre due negoziati in parallelo: uno con la Ue e uno con il proprio partito. Alla Ue presenta un pacchetto di misure per una “soft Brexit”: unione doganale di fatto, sistema di mobilità per l’immigrazione, riconoscimento delle sentenze della Corte Europea di Giustizia come arbitro nelle dispute. Al proprio partito presenta una Brexit non tanto “soft”: stop ad europei in cerca di lavoro (a esclusione dei “professionisti qualificati”), controllo dei propri confini, fine della giurisdizione europea.

L’apparente contraddizione si spiega con la sua sopravvivenza politica. Usciti di scena il ministro degli Esteri Boris Johnson e quello della Brexit David Davis, tutti i posti chiave del governo sono occupati da conservatori che nella campagna per il referendum di due anni fa si schierarono per rimanere nella Ue, lei inclusa (quando era ministro degli Interni).

Lunedì il Libro Bianco di 100 pagine che presenta in dettaglio il suo piano per i negoziati con Bruxelles sarà messo ai voti alla camera dei Comuni. La corrente più anti-europea dei Tories, capeggiata da Jacob Rees-Mogg, minaccia di votare contro e potrebbe in tal modo bocciarlo, unendosi ai voti dell’opposizione laburista, liberaldemocratica e scozzese, comunque interessati a creare difficoltà a Downing Street. Ne risulterebbe per May una sconfitta imbarazzante quasi quanto il voto di sfiducia nei suoi confronti per ora rimandato dai suoi avversari interni. E si tornerebbe a parlare di sue dimissioni. O di elezioni anticipate. O di entrambe le cose.

Così, nel tentativo forse disperato di portare dalla sua parte i conservatori ribelli, la premier fa loro l’occhiolino, in termini politici, spacciando il suo piano per una Brexit dura e netta. Ma se così fosse, perché mai Johnson e Davis avrebbero dato le dimissioni?

Il problema è che la linea dell’ambiguità ha permesso a Theresa May di tirare avanti fino ad ora, ma ormai il tempo della trattativa stringe, i nodi vengono al pettine e bisogna scoprire le carte, come del resto ha cominciato a fare. Il rischio è che i brexitiani non le crederanno. Ma potrebbe bastare per tenere buona l’opinione pubblica più euroscettica. Tra un bluff e l’altro, la grande partita della Brexit va avanti. Difficile prevedere chi la vincerà.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *